il

Chissàchicomedovequandoeperchèmboldo

il giornale di Mezzacollina

Copia gratuita per l'estero    

02.11.02

 

festa alla casermetta s.pietro

ma anche in municipio!


Il Presidente, la Vicepresidente, il Segretario e i due Consiglieri appena eletti per acclamazione, pongono la Firma.

A.L.I.
per volare dietro ai sogni

EDITORIALE

 

Sono tempi difficili, e, in tempi difficili non si può pretendere troppo, lo sappiamo.
Ma almeno dotare il nostro reporter di una attrezzatura per lo meno adeguata all'incarico affidatogli!
Via! Che vergogna!
Sicché, del momento più alto, più emozionante, più significativo della toccante cerimonia che ha salutato la nascita dell'Associazione di Letteratura Interattiva, ALI per l'appunto, non rimane che qualche sfocato dagherrotipo, pallida testimonianza di un evento che avrebbe meritato ben altra testimonianza.
Sapranno perdonarci i Posteri?
Sapranno perdonarci soprattutto i lettori?

Mezzacollina e il suo Municipio hanno comunque decretato che il Primo Novembre sia festa nazionale, le scuole rimangano chiuse anche se non cade di domenica e vengano offerte ai turisti e agli ospiti della nostra felice comunità aringhe e sardine, sia fresche che salate o in salsa.

Il Beatrix ha innalzato il gran pavese, nonostante i nuovi venti di guerra abbiano indotto il Capitano Fletcher a rinviarne ancora la partenza.

Il gatto dei signori Flem-Ath ci ha comunicato che ha iniziato a studiare il sumero e che presto avrà per noi novità e notizie assolutamente sconvolgenti.

Quel prete grasso che sputacchia quando parla ha detto che il diavolo esiste e si trova in Mesopotamia, un po' come nel film L'Esorcista, solo che questa volta non verrà usata acqua benedetta!

Pare siano in molti a nutrire interesse per quelle terre: hanno visto nascere la civiltà umana che conosciamo, speriamo non diventino testimoni della sua fine. 

E' sera, il sole sta tramontando e già s'accendono i primi lampioni sulle mura di Lucca.
Un paio di dozzine di figure si avvicinano, confuse fra le ombre autunnali, alla Casermetta di S.Pietro.


Io arrivo dal Baluardo S.Martino: ne ho attraversato le viscere per giungere al convegno, affrontato i pericoli e le insidie.

Fino a temere, quasi, di non veder mai più la luce!
Pur di giungere alle 17 e 30, nella Sala dei Balestrieri di Lucca...

La Sala dei Balestrieri, dove pazientemente il Presidente attendeva l'arrivo dei Fondatori.

La stessa sala, un po' dopo...

Giunti alfine tutti, sbrigate le scarne formalità, applaudita con gioia sincera la nascita e rimesse a posto le sedie, ci dirigevamo a passo lesto alla Pizzeria nota col nome Le Salette dove ci riunivamo in lieto convivio, intrecciando progetti culturali ad ordinazioni di dolci, barzellette su Berlusconi a commenti sul conto.

A tarda sera, riproponendoci un prossimo e più oculato incontro, ci salutavamo diretti, ciascuno, alla propria dimora.

Una preghiera: qualcuno procuri una macchina fotografica decente, la prossima volta!